di Federica Pellegrini

Arduino, un prodotto tutto italiano, consentirà a 30 fortunate  scuole, dopo l’accordo con il MIYR (Ministero dell’Istruzione), di arricchire le competenze digitali dei nostri ragazzi.

Stiamo parlando infatti di un circuito elettronico “uno strumento pratico ed innovativo per avvicinare i ragazzi al mondo della programmazione e all’alfabetizzazione digitale” – ha commentato Massimo Banzi, fondatore di Arduino.

Questo strumento permetterà ai ragazzi di allenare creatività, fantasia e competenze con la creazione di piccoli progetti, attraverso l’utilizzo di un kit  di sensori e altri componenti forniti gratuitamente, sempre da Arduino stesso.

Gli studenti collaboreranno tra loro in gruppi e avranno come istruttori sia professori che una piattaforma (sito internet) in grado di offrire video, lezioni e materiale didattico, reperibili anche fuori dall’ambiente scolastico.

Se pensiamo che Arduino è nato quasi vent’anni fa in un bar di Ivrea, da cui prende il nome, come una semplice idea, ci risulta difficile pensare che oggi sia accessibile a tutti come strumento di sviluppo di ulteriori idee nel mondo della tecnologia.

Arduino è un microcontrollore open-source facile da utilizzare che ha ispirato migliaia di persone in tutto il mondo a fare cose semplici e anche cose incredibili – dai giocattoli alle attrezzature satellitari. Dice Banzi: ”Non ci vuole il permesso di nessuno per rendere le cose eccezionali”.

Share this article

Redazione centrale di giornalistiNellerba.it Giornalisti Nell'Erba è realizzato dall'associazione di promozione sociale Il Refuso. Nel tempo ha collezionato tanti riconoscimenti e partnership come ad esempio quelle con ANSA, Ordine Nazionale dei Giornalisti, Federazione Nazionale della Stampa, Federazione Italia Madia Ambientali FIMA, European Space Agency (ESA), Agenzia Spaziale Italiana, Rappresentanza in Italia della Commissione Europea, Lega Navale Italiana, Marina Militare, Università di Roma Tor Vergata. Ha i riconoscimenti della Presidenza della Repubblica, del Ministero dell'Ambiente e tante altre istituzioni.

Facebook Comments

Post a comment

3 + 11 =