Di fianco alla dichiarazione di Roma, documento d’intenti condiviso dai Paesi presenti al summit “Acqua e Clima“, è nata tra le imprese italiane l’Alleanza per la gestione sostenibile della risorsa idrica.
37 associazioni e aziende, durante l’evento voluto dal Ministero dell’Ambiente, si sono impegnate per ridurre in maniera sostanziale l’utilizzo d’acqua nei propri processi produttivi.
Consapevoli dei problemi legati ai cambiamenti climatici, responsabili del mix siccità – piogge tropicali, l’obiettivo è quello di favorire lo sviluppo di linee strategiche individuando strumenti appropriati per le azioni di adattamento dagli eventi estremi.
“L’andamento meteorologico legato al cambiamento climatico, oltre ai danni diretti alle persone e alle risorse ambientali – si legge nel comunicato diffuso dal Ministero – sta provocando nel Paese disagi a molti settori produttivi, a cominciare da quelli che, come l’agricoltura, maggiormente dipendono dall’utilizzo delle risorse idriche e irrigue, le imprese hanno deciso di mettersi in prima linea nella ricerca di soluzioni efficaci a gestire in maniera più razionale ed efficiente la risorsa idrica, già a partire dai propri cicli produttivi”.

L’Alleanza, che trova nell’Agenda 2030 un punto di riferimento, prova a rispondere alla sfida in atto sulla base dei seguenti principi e obiettivi:

  • inserire i cambiamenti climatici nelle strategie e governance aziendali e delle associazioni;
  • assumere impegni aziendali in grado di ridurre gli effetti degli impatti e aumentare la resilienza;
  • cooperare su larga scala (multi-stakeholder) a iniziative per la riduzione degli impatti;
  • sostenere attivamente l’attuazione delle politiche interne e pubbliche per la lotta contro il cambiamento climatico e lo sviluppo di economie a utilizzo della risorsa acqua;
  • rendere sostenibile l’utilizzazione dell’acqua per i diversi usi  favorendo, ove è possibile, il riciclo ed il riutilizzo;
  • comunicare e rendere accessibili le informazioni sulle proprie migliori pratiche per la condivisione finalizzata ad uno sviluppo sostenibile e inclusivo.

Dell’Alleanza, e del suo perché, ne abbiamo discusso con Alberto Frausin, AD di Carlsberg Italia, azienda produttrice di birra che, quindi, ha proprio nell’acqua la risorsa cardine del suo processo produttivo (video).

Nel breve termine sarà prevista l’organizzazione di una campagna di lancio dell’Alleanza, la realizzazione di un sito WEB dedicato, l’organizzazione di una campagna di lancio dell’Alleanza e di sensibilizzazione sui temi che propone, la promozione di eventi periodici a tema nelle diverse aree del Paese.

Aziende e associazioni partecipanti:

ANBI (ASSOCIAZIONE NAZIONALE CONSORZI GESTIONE E TUTELA DEL TERRITORIO E ACQUE IRRIGUE), ACEA, ANEF (ASSOCIAZIONE NAZIONALE ESERCENTI FUNIVIARI), ASSOCARTA, BARILLA, BONIFICA, BURGO GROUP, CARLSBERG ITALIA, CASTALIA, CIA (CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI), COLDIRETTI, CNA (CONFEDERAZIONE NAZIONALE DELL’ARTIGIANATO E DELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA), CONFAGRICOLTURA, CONFCOOPERATIVE, CONFCOMMERCIO, CONFARTIGIANATO IMPRESE, CONI, CONSERVE ITALIA, ALLEANZA DELLE COOPERATIVE ITALIANE, DONTHEFULLER, ENEL, ENI, FEDERAZIONE CARTA E GRAFICA, FEDERIDROELETTRICA, FEDRIGONI, FERRERO, GRIMALDI GROUP, GRUPPO CAP, LAVAZZA, LEONARDO, NOVAMONT, RUMMO, SAMMONTANA, TERNA, UNILEVER, UNIONE ITALIANA FOOD, UTILITALIA.

Share this article

Redazione centrale di giornalistiNellerba.it Giornalisti Nell'Erba è realizzato dall'associazione di promozione sociale Il Refuso. Nel tempo ha collezionato tanti riconoscimenti e partnership come ad esempio quelle con ANSA, Ordine Nazionale dei Giornalisti, Federazione Nazionale della Stampa, Federazione Italia Madia Ambientali FIMA, European Space Agency (ESA), Agenzia Spaziale Italiana, Rappresentanza in Italia della Commissione Europea, Lega Navale Italiana, Marina Militare, Università di Roma Tor Vergata. Ha i riconoscimenti della Presidenza della Repubblica, del Ministero dell'Ambiente e tante altre istituzioni.

Facebook Comments

Post a comment