di Sara Nervo

Chi non apprezza l’oro giallo e quello bianco, costosi e pregiati? Ci siamo poi abituati a sentir parlare di oro nero in riferimento al petrolio e negli ultimi tempi anche di oro rosso: il rame. Tutte risorse esauribili … E se in futuro dovessimo aggiungere un nuovo colore alla lista? E se questo colore dovesse essere il blu?

Blu come … il cielo, ma prima ancora come l’acqua e il mare.

H2O è l’unica formula chimica che tutti conoscono. Ed è giusto che sia così: l’acqua non è solo la sostanza più diffusa sulla terra, ma è la condizione necessaria e la matrice della vita.

 

Se si pensa alla Genesi nella Bibbia, Dio ha creato l’acqua subito dopo l’alternarsi tra il giorno e la notte. E secondo i biologi è proprio dall’acqua che sono nati i primi esseri viventi come i batteri e le alghe.

Già il filosofo Talete identificava l’arché, ovvero l’origine di tutto, nell’acqua: secondo lui questo elemento era una forza sempre identica a se stessa che generava la molteplicità delle sostanze e il loro continuo mutare.

Effettivamente tutti gli esseri viventi hanno bisogno di acqua per generarsi o anche solo per poter continuare a vivere.

Quanto può resistere un uomo senza bere?  Poco più di due giorni.Tante volte nella storia le popolazioni sono state sterminate dalle carestie, dovute alla mancanza d’acqua per irrigare i campi e per dissetare gli animali.

Dando uno sguardo ai nostri giorni, oggi diamo per scontato che l’acqua sia una risorsa inesauribile, ma se si studiano  attentamente le porzioni di acqua sulla superficie terrestre si constata che il 97% di acqua sulla terra si trova negli oceani e di conseguenza è salata; solo lo 0,2% della rimanenza è in superficie mentre il resto è nelle falde sotterranee e nei ghiacciai.

L’acqua quindi è una risorsa limitata e, in alcune zone, comincia a scarseggiare. In futuro, è ormai evidente, l’acqua diventerà sempre più un bene prezioso e raro.

Perciò è di primaria importanza limitarne il consumo e azzerare gli sprechi, anche nei confronti di quei Paesi in cui l’acqua manca quasi del tutto o è contaminata e portatrice di batteri e malattie.

Per rimediare alla disparità tra i Paesi ricchi, dove l’acqua abbonda e si spreca, e i Paesi poveri afflitti dalla siccità, si sta cercando addirittura di creare le precipitazioni in modo artificiale con nuove tecnologie che riproducono il processo di formazione della pioggia.

Grazie alla tecnologia, ma soprattutto grazie a minori e inutili sprechi d’acqua, si spera che quest’ultima diventi un bene di cui poter usufruire in modo più equo e duraturo.

Share this article

Redazione centrale di giornalistiNellerba.it Giornalisti Nell'Erba è realizzato dall'associazione di promozione sociale Il Refuso. Nel tempo ha collezionato tanti riconoscimenti e partnership come ad esempio quelle con ANSA, Ordine Nazionale dei Giornalisti, Federazione Nazionale della Stampa, Federazione Italia Madia Ambientali FIMA, European Space Agency (ESA), Agenzia Spaziale Italiana, Rappresentanza in Italia della Commissione Europea, Lega Navale Italiana, Marina Militare, Università di Roma Tor Vergata. Ha i riconoscimenti della Presidenza della Repubblica, del Ministero dell'Ambiente e tante altre istituzioni.

Facebook Comments

Post a comment

3 × 5 =