giornalista professionista, è direttore responsabile di Giornalisti nell'Erba, referente per la formazione dell'ufficio di presidenza FIMA (Federazione Italiana Media Ambientali) e membro Comitato Scientifico per CNES UNESCO Agenda 2030. Presidente de Il Refuso a.p.s.. In precedenza ha lavorato come giudiziarista per Paese Sera, La Gazzetta e L'Indipendente. Insieme a Gaetano Savatteri ha scritto Premiata ditta servizi segreti (Arbor, 1994). Collabora con La Stampa, per le pagine Tuttogreen.

WEF: “Il rischio più grande per le imprese? Il climate change”

15 gennaio 2016 – Gli esperti di economia, impresa e finanza temono più di tutto la pigrizia dei governi ad agire per i cambiamenti climatici. I rischi sono grossi per il business. Talmente grossi da aver surclassato disoccupazione, instabilità politica, tasse, attacchi terroristici, migrazioni di massa, prezzi del petrolio e dell’energia, crisi idriche, attacchi informatici, crisi

[ Read More ]

Climatarian, la dieta che noi italiani non seguiamo

(articolo pubblicato su La Stampa) Climatarian in italiano non si traduce. La nostra lingua, avida normalmente di termini presi in prestito dall’inglese, stavolta ha fatto spallucce e non si è appropriata di un neologismo estremamente trendy negli Usa e in generale tra gli anglosassoni. Climatarian, appunto, è aggettivo e sostantivo ed indica la dieta pensata

[ Read More ]

Tutte le fortune… di Riccardo Taverna: da non perdere

Quando aveva 5 anni, e nessuna coscienza ambientale, giocava a pulire le spiagge in Libia. Segno premonitore, forse. Quando aveva 5 anni era un frignone. E’ lui a dirlo, con la stessa autoironia che filtra imperterrita nonostante “tutte le fortune” che gli capitano e che elenca implacabile nelle pagine del suo libro. In copertina una

[ Read More ]

Twitter boccia #COP21

(articolo pubblicato su La Stampa) Il clima non è social, non si twitta e non si ritwitta. Annoia, intristisce, preoccupa… oppure semplicemente si fa capire poco. Sta di fatto che, nelle ultime settimane, si sono dispersi likes, followers, retweeters collaudati. E il volume di movimento intorno all’hashtag #COP21 non è stato quello che ci si

[ Read More ]

La mia COP

(articolo  scritto per La Stampa e pubblicato il 19/12/2015) La mia prima COP è stata quella di Parigi, la ventunesima. Non ho collezionato nessun pass di nessuna delle altre. Ho solo quello con la fogliolina, un cartoncino semplice, plastificato per durare due settimane, con una foto che sembro bruciata dal sole malato del climate change,

[ Read More ]

La nuova bolletta: paghi di più se consumi meno

Roma 17 dicembre 2015 – E’ da mesi che lo stanno dicendo in tutte le sedi, anche all’Antitrust. Ora anche a Bruxelles è arrivata la segnalazione del cinquestelle Dario Tamburrano, Gianni Girotto, David Borrelli e Gianluca Castaldi: la nuova bolletta è iniqua, fa pagare di più chi consuma meno e disincentiva il risparmio energetico, l’efficientamento

[ Read More ]

Bozze a confronto, giochi di parole

Parigi, 11 dicembre (dalla nostra inviata) – La parola “decarbonizzazione” e’ scomparsa dal testo. L’obiettivo della versione e’, questa volta, “neutralizzare” le emissioni di CO2 entro la seconda meta’ del secolo. Non e’ la stessa cosa, ovviamente: decarbonizzare significa eliminare, neutralizzare significa invece, nei fatti, compensare. Mettendo a confronto la bozza di accordo di mercoledi’

[ Read More ]

COP21: bozza di 48 pagine (e 939 parentesi quadre)

Parigi, 5 dicembre 2015 – Una bozza c’è. Se si può chiamare bozza, l’ultima di oggi, 48 pagine con  939 sezioni di testo indicate tra parentesi quadre, ossia grane, nodi da sciogliere, parole da limare o ancora da trovare. Parentesi quadre sin dall’inizio, dall’articolo 2, quello che stabilisce a cosa serve l’accordo, qual è l’obiettivo: “Lo

[ Read More ]