giornalista professionista, è direttore responsabile di Giornalisti nell'Erba, referente per la formazione dell'ufficio di presidenza FIMA (Federazione Italiana Media Ambientali) e membro Comitato Scientifico per CNES UNESCO Agenda 2030. Presidente de Il Refuso a.p.s.. In precedenza ha lavorato come giudiziarista per Paese Sera, La Gazzetta e L'Indipendente. Insieme a Gaetano Savatteri ha scritto Premiata ditta servizi segreti (Arbor, 1994). Collabora con La Stampa, per le pagine Tuttogreen.

Se dovesse decidere la Polonia…

Katowice (dai nostri inviati) – La presidenza della COP24, quella in cui si sta scrivendo il rulebook, il regolamento attuativo dell’Accordo di Parigi, è in mano al padrone di casa, la Polonia. Che vuole arrivare al documento entro venerdi. “Avete avuto tre anni a disposizione – ha detto chiaramente Michal Kurtyka, presidente di COP24 e

[ Read More ]

Migranti, un Patto mondiale e un “passaporto climatico”

Katowice (dai nostri inviati) – Mentre in Polonia si svolge la 24° conferenza ONU sui cambiamenti climatici, in Marocco, a Marrakech, è in corso la prima Conferenza intergovernativa sui migranti del Global Compact for Safe, Orderly and Regular Migration, durante la quale, ieri, gli stati hanno adottato un Patto storico per una gestione condivisa, giusta, sicura della migrazione a

[ Read More ]

I soldi per attuare l’Accordo di Parigi

Katowice (dai nostri inviati) – I negoziati proseguono e si concentrano sui nodi cruciali. I tecnici vanno avanti anche di notte, chiedendo indicazioni ai politici: le decisioni spettano a loro. Dalle 300 pagine iniziati, si è scesi a circa 200, ma sono ancora tante le parentesi quadre nella bozza del libro delle regole dell’Accordo di

[ Read More ]

Clima tra parentesi quadre e giustizia sociale

A COP24 escono nuove bozze, ma non c’è soddisfazione tra i negoziatori sul clima. “Ancora non ci siamo”, dicono. I nodi (che si misurano in numero di parentesi quadre) sono soprattutto nel capitolo soldi: come vengono conteggiati, seguiti, monitorati, messi al sicuro i flussi finanziari dai paesi ricchi a quelli più poveri. Ancora da eliminare parecchie

[ Read More ]

Un colpo al cerchio e uno alla botte

4 dicembre – “La finestra temporale in cui possiamo agire si sta chiudendo molto in fretta”,  dice Frank Bainimarama, primo ministro delle Fiji e presidente di COP23 nel passare il testimone al presidente di COP24, il polacco Michal Kurtyka. Il quale risponde: “Nulla accade due volte, questa è l’unica opportunità che abbiamo per cambiare il

[ Read More ]

Clima, “una questione di vita o di morte”

3 dicembre – “Quella del clima è già oggi una questione di vita o morte” per diverse le regioni e paesi del mondo, dice Antonio Guterres, segretario generale delle Nazioni Unite, nell’appello rivolto alle circa 60 delegazioni presenti al discorso di apertura della COP24 a Katowice. “Abbiamo veramente un grosso problema”, ha ribadito Guterres. “L’impatto

[ Read More ]

Clima… di contraddizioni

Sono io che non capisco. Certamente è così. Ma non sono sola. Anche Edoardo Zanchini di Legambiente, tanto per dirne uno, Sergio Ferraris, direttore di QualEnergia, e l’esperto Giovanni Battista Zorzoli, tanto per dirne altri due, devono avere il mio stesso problema. Non capisco cosa vuole fare il nostro governo in tema di lotta ai

[ Read More ]

I media italiani vengono a COP24?

La nostra testata giornalistinellerba.it – che rappresenta la più giovane e grande redazione ambiente del mondo, con i suoi quasi 9000 reporter dai 3 anni in su –  sarà probabilmente ancora una volta una delle poche italiane presenti alla Conferenza Onu sui cambiamenti climatici (COP24). Abbiamo seguito direttamente da Parigi la COP21 nel 2015, da

[ Read More ]