Inside #ijf

I servizi del gNeLabjr al festival del giornalismo

Mori: “Noi di Coca-Cola siamo una comunità di 207 paesi”

Identificare l’impresa all’interno della comunità, è questa la finalità dell’azienda Coca-Cola. La general counsel della società e presidente Valore D Sandra Mori ha evidenziato questo durante la conferenza nella mattina di venerdì 7 aprile durante il Festival del Giornalismo. Nonostante si pensi che Coca-Cola sia una grande azienda che si basa solo sui ricavati e

[ Read More ]

L’Italia e il decommissioning nucleare

Perugia, 7 aprile – Festival internazionale del giornalismo – Argomento bollente quello affrontato durante il panel discussion di venerdì mattina riguardo il decommissioning nucleare in Italia. “Un tema da sempre molto sentito dalla popolazione e per questo difficile da raccontare” dichiara Giorgio Pacifici, caposervizio per le trasmissioni scientifiche del TG2. E per avere un quadro completo,

[ Read More ]

Disinformazione che alza le barriere

Perugia, Festival internazionale di giornalismo – Terrorismo mediatico, il lato oscuro del giornalismo. Le conseguenze sono tanto grandi quanto pericolose. Si definisce terrorismo mediatico l’azione di fare informazione con un bombardamento di notizie in grado di rendere la realtà più allarmante  di quello che è. Questo estremismo della notizia utilizza tutti i media per diffondersi, senza

[ Read More ]

Trump in guerra con la stampa

Perugia, Festival internazionale di giornalismo – “Donald Trump è il presidente con il più basso tasso di approvazione – afferma Cameron Barr, managing editor del Washington post, nel suo panel al festival di giornalismo di Perugia  – la sua politica imprevedibile trova propaganda grazie all’assiduo utilizzo di twitter”. Il paradosso? Egli stesso si serve delle

[ Read More ]

Aleppo, eroi dai caschi bianchi

Perugia, Festival internazionale del giornalismo – Si intitola Last men in Aleppo il film documentario del regista siriano Firas Fayyad. E’ una toccante pellicola che mostra con video originali le operazioni di soccorso dei caschi bianchi. Ma chi sono questi uomini? Si tratta un gruppo di volontari chiamati così per via del loro caratteristico copricapo. Provengono da

[ Read More ]

Turchia, blackout della libertà

Perugia, Festival internazionale di giornalismo –  Il governo turco isola il proprio popolo dal mondo intero. La Turchia è terra ormai sfigurata, tormentata dagli attacchi terroristici. Il punto di non ritorno da questo inferno, che oscilla tra le offensive dell’ISIS e quelle curde, inizia nel 2006. Da quel momento oscuramenti e rallentamenti internet sono diventati

[ Read More ]

Trump, uomo o notizia?

Perugia, Festival internazionale di giornalismo – Trump odia i giornalisti, ma i giornalisti non odiano Trump. Anzi sono in festa per la sua elezione: si apre con lui la presidenza più entusiasmante d’America. Ma cosa rende questo presidente così accattivante per i media? Cameron Barr – Managing editor del Washington post – nel suo panel

[ Read More ]

Il mio undicesimo #IJF

#IJF17 è stato il mio undicesimo Festival del giornalismo e per l’undicesima volta applaudo Arianna Ciccone e a Chris Potter. Lunedi ho fatto la prenotazione per le date dall’11 al 15 aprile del 2018, perché già so che ci andrò e già so che ad andarci saranno ancora di più di quest’anno. E’ imperdibile Imperdibile per tante ragioni, ad

[ Read More ]

Che mondo sarebbe senza foto?

Perugia, Festival internazionale di giornalismo – Fotografia, una parola semplice, ma che racchiude alle spalle una storia di studi, ricerche e soprattutto evoluzione. Oggi immortaliamo con una foto quasi tutto quello che facciamo: che sia visitare un posto nuovo, partecipare ad un evento importante o semplicemente stare in compagnia di amici. Ma perché è così

[ Read More ]

Accogliere i migranti, cosa vuol dire?

Perugia, Festival internazionale di giornalismo – “Investire sull’accoglienza è il modo migliore per investire sulla sicurezza” così si apre il panel perugino sull’immigrazione. L’accoglienza “non è solo dare ai migranti un pasto e un letto, ma soprattutto ridare un nome e un cognome a persone scappate dal loro paese per fame o per guerra” spiega

[ Read More ]