Fino al 26 novembre è la Settimana Unesco per l’Educazione allo Sviluppo Sostenibile. Gli eventi di apertura e chiusura, entrambi a Roma nella Galleria del Primaticcio di Palazzo Firenze sono di lancio della campagna annuale che quest’anno ha come titolo “Fuori dalla plastica: un percorso da costruire”. Il programma della settimana che si inaugura alle 10 di oggi vede appuntamenti disseminati. Di “Bioplastiche compostabili: tra cittadinanza attiva, opportunità e passioni ecologiche” si parla ad esempio a Este (Padova), nell’arco di due settimane (dal 12 al 25 novembre) in cui sono previsti vari eventi con il coinvolgimento di studenti delle superiori con l’obiettivo di fornire chiarezza e indicazioni utili alla cittadinanza sull’origine, le proprietà, gli utilizzi e il fine vita dei manufatti realizzati in bioplastica. Dopo un periodo formativo tecnico sulle biotecnologie ambientali, saranno proprio gli studenti a raccogliere dati per una analisi territoriale tramite questionari e interviste nei punti vendita della grande distribuzione (rilevazioni su presenza e tipologia manufatti in bioplastica), presso commercianti locali (rilevazioni su conoscenza e utilizzo bioplastiche), e presso la cittadinanza (rilevazioni su conoscenza e utilizzo bioplastiche). Il 24 novembre è previsto un convegno sulle “Bioplastiche compostabili: tra cittadinanza attiva, opportunità e passioni ecologiche”, con interventi di aziende ed associazioni operanti nel settore per fornire un panorama completo che va dal nazionale al locale; durante il convegno saranno presentati i risultati relativi all’indagine svolta dagli studenti, mentre il 25 novembre sarà una Domenica Ecologica nel centro storico cittadino, con un insieme di iniziative per promuovere il consumo critico ed equilibrato, comportamenti  attenti alle risorse naturali e rispettosi dell’ambiente, focalizzando l’attenzione sul “Fuori dalla plastica”. Organizzazione di  S.E.S.A. S.p.a. (Società Estense Servizi Ambientali), Comune di Este, in collaborazione con Gestione Ambiente s.c.a.r.l. e I.T.I.S. “Euganeo”

A Pordenone, invece, si è organizzato un concorso fotografico “Fuori dalla plastica: un percorso da costruire!”.  Terraè – Officina della Sostenibilità, in collaborazione con: Circolo fotografico l’Immagine di Maniago, per immagini che rappresentino i vari aspetti legati alle implicazioni ambientali dell’utilizzo spesso eccessivo dei materiali plastici. ARPA Sicilia in collaborazione con il Siciliambiente Festival organizza un incontro durante il quale gli studenti assisteranno alla proiezione di filmati (documentari e corti) aventi come tema l’inquinamento da plastica, e al termine della proiezione avranno l’opportunità di approfondire l’argomento con il regista ed esperti. Fuori dalla plastica e riscoperta delle meraviglie della Terra: a Napoli, dal 16 al 24 novembre, incontri, relazioni e mostra aperta a tutti sui cambiamenti climatici, sull’inquinamento, e sulla distruzione del patrimonio artistico, il tutto finalizzato ad una educazione di qualità. Una mostra fotografica, e una mostra di opere d’arte realizzate da artisti giovani e non , viste nelle loro molteplicità arricchiscono il programma. Il tutto, nell’ambito della Rassegna Autunno in Cappella 2018. Organizzato da Club per l’UNESCO di Napoli e di Bisceglie in collaborazione con: Deputazione del Tesoro di San Gennaro. Sempre a Napoli, iniziative che coinvolgono docenti, ed esperti, con proiezioni, laboratorio di disegno e mostra fotografica e artistica. E ancora a Napoli,  un’altra mostra d’Arte che ospita incontri tematici per sottolineare la necessità di  collaborazione scientifica e transdisciplinare per raggiungere la sostenibilità globale, con artisti pugliesi e campani affermati con artisti giovani emergenti.

A Capua,  “Plastica: emergenza mondiale”:  l’Istituto tecnico G. C. Falco con  Centro Unesco Caserta e Dipartimento di Architettura e Disegno Industriale (Università della Campania) di Aversa, organizzano un convegno ed una mostra aperti anche agli studenti delle altre scuole superiori.

Proiezione di “Un Oceano di Plastica”, film inchiesta sull’inquinamento marino, laboratori di fotografia, happening multiculturale, lezione concerto, in un liceo romano. E ancora, a Sanremo, si è parlato sin da ottobre de “Il mare invisibile minacce e prospettive per l’ambiente marino” con il giornalista  Franco Borgogno e con la Capitaneria di Porto.  A Verona, invece, “Quanta acqua hai bevuto oggi?”, progetto educativo per le scuole. Ad Anghiari (Arezzo), laboratori ludico-didattici, percorsi artistici di riciclo della plastica e relativa mostra, giornate di sensibilizzazione e giornata di Scambio culturale e merenda (il 24 e 25 novembre) e spettacolo teatrale.

In Emilia, a Modena, convegno su come “migliorare la qualità dell’aria e ridurre l’incombenza della plastica”, a Caserta seminario sulle plastiche nel cibo che mangiamo e attività sul ciclo della plastica e nuova economia. Arte del riciclo ad Acireale, l’Insostenibile viaggio dei rifiuti a Gorizia, altri appuntamenti ed eventi a Verona, Padova, Sanremo, Torino, Caltanissetta, Niscemi, San Benedetto del Tronto, Ferrara, Roma, Cosenza, Siracusa, Barcellona Pozzo di Gotto, Catania, Agrigento, Cammarata, San Giovanni Gemini, Firenze, Empoli, Bari, Caserta, Taranto, Fondi (Latina), Signa (Firenze), Perugia, Ancona, Salerno, Trapani, Castelvetrano, Cagliari, Siena, Genova,

L’evento di chiusura è venerdì 26 novembre alle 10. E’ l’occasione per lanciare la Campagna 2018-2019 “Fuori dalla plastica: un percorso da costruire”, ma anche quella di premiare le scuole vincitrici della prima edizione del concorso “CNES – Agenda 2030 Scuole Sostenibili” 2017-2018, che ha avuto per tema “Cambiamenti Climatici e Migrazioni”. Qui il programma dell’evento, che prevede anche  la presentazione della nuova edizione 2018/2019 rivolta a tutte le Scuole Italiane.

Facebook Comments

Post a comment

quindici + tre =