Quello di canna è migliore di quello bianco che anzi è proprio un veleno. Fa venire le carie, causa obesità e problemi cardiovascolari, può provocare danni al cervello, aumenta il rischio d’insorgenza di tumori alla prostata, al colone al seno. È la causa delle scie chimiche e chi ne mangia dopo la mezzanotte diventa terrapiattista.

Le affermazioni precedenti sono tutte false e riguardano tutte lo zucchero (terrapiattisti e scie chimiche a parte). Eppure il saccarosio, chiamato zucchero, si trova comunemente in natura in frutta e miele, oppure può essere estratto da canna o barbabietole da zucchero. Possibile sia così nocivo per la salute? COPROB, COoperativa PROduttori Bieticoli e Italia Zuccheri, l’ultima delle aziende italiane che produce zucchero proveniente da barbabietole seminate, raccolte e lavorate in Italia,  hanno realizzato un libretto che sfata i 10 Falsi miti sullo zucchero

Secondo una rielaborazione di The European House Ambrosetti su dati ISTAT, negli ultimi anni si sta assistendo a una crescita percentuale di persone affette da diabete, ma questo aumento non fa il paio con il consumo di zucchero pro capite che anzi, ha subito una lieve diminuzione. La motivazione, almeno per quanto riguarda il diabete mellito di tipo 2  (che affligge il 90 % dei diabetici), si trova nell’aumento di percentuale di eccesso di peso nella popolazione. Anche in quest’ultimo caso, secondo la rielaborazione, le cause non sono imputabili allo zucchero, bensì alla scarsa attività fisica.

“Lo zucchero è un prodotto calorico e va consumato in modo consapevole”, precisa Stefano Dozio, direttore generale di Italia Zuccheri “ma invito in particolar modo le istituzioni, ad esortare la popolazione a far maggior movimento e avere un’alimentazione sana”.

 

Share this article

Approda a Il Refuso nel 2008 dove rimane in pianta stabile dal 2014, dopo una serie di esperienze lavorative nel giornalismo, la comunicazione e il management. Nel 2010, diventa giornalista pubblicista, per Giornalisti Nell'Erba ricopre prima il ruolo di responsabile relazioni esterne e coordinatore generale, in occasione di Expo è coordinatrice di #gNeLab e dal 2015 vicedirettore di giornalistinellerba.it. Ama il cibo, la musica (rigorosamente antecedente agli anni 2000) e condividere i primi due in buona compagnia.

Facebook Comments

Post a comment

10 − uno =