divestitaly_logo-rosso-blu-verde-720x340Nata nel 2012 nei campus delle università statunitensi, la campagna internazionale “divestement” mette in luce i legami esistenti tra finanza e cambiamenti climatici.
L’iniziativa, partita dal basso attraverso singoli gruppi locali, si è pian piano diffusa in tutto il mondo grazie all’aiuto di grossi gruppi ambientalisti come 350.org (ONG in prima linea nella lotta al cambiamento climatico) e da luglio del 2015 arriva in Italia con il nome di #DivestItaly, promossa innanzitutto da Italian Climate Network, ma anche da FIMA (Federazione Italiana Media Ambientali), Legambiente, Kyoto Club, FOCSIV e altri.
Obiettivo della campagna è quello di far aumentare la sensibilità e la consapevolezza sul rapporto che esiste tra investimenti e cambiamenti climatici e di favorire la presa di impegni concreti di disinvestimento dal settore fossile da parte di istituzioni e organizzazioni di diverso tipo, con un focus particolare sugli enti religiosi.

Le multinazionali del settore fossile hanno ricevuto miliardi e miliardi di dollari di finanziamenti pubblici e privati, diretti e indiretti,  nel corso degli anni e non hanno mai pagato per le esternalità prodotte, si sono arricchite grazie ai costi sociali scaricati sulle spalle di noi cittadini. Ora però viviamo in un periodo cruciale, di svolta. La comunità scientifica, ed in particolare l’IPCC con i suoi report, ci dice che delle riserve di combustibili fossili già conosciute, il 70-80% deve “restare sottoterra”, che quelle riserve non devono essere estratte e immesse in atmosfera se vogliamo sperare di contenere l’aumento medio delle temperature globali entro i 2°C, se vogliamo sperare di contenere fenomeni come la siccità, la fusione dei ghiacciai, l’innalzamento dei livelli dei mari, le migrazioni, la perdita di biodiversità, la diffusione di nuove malattie, l’inasprimento delle guerre, la nascita di nuovi conflitti…
giornalistiNellerba, che ha seguito direttamente da Parigi la COP21 e da Marrakech la COP 22, aderisce alla campagna #DivestItaly e se ne fa promotore.

Da sempre trattiamo l’argomento del climate change sotto ogni aspetto, come merita di essere trattato un argomento così complesso ma che ci riguarda così da vicino. È in gioco il nostro destino e quello delle prossime generazioni.

Qui il link per saperne di più sulla campagna #DivestItaly.

Share this article

Laureato in Economia dell'Ambiente e dello Sviluppo. Houston, we have a problem: #climatechange! La sfida è massimizzare il benessere collettivo attraverso la via della sostenibilità in modo da garantire pari benefici tra generazioni presenti e future. Credo che la buona informazione sia la chiave in grado di aprire la porta del cambiamento. Passioni: molte, forse troppe.

Facebook Comments

Post a comment

20 − 3 =