Sull’olio di palma sono colati fiumi di inchiostro virtuale e milioni di parole affollano il web. Giornalisti Nell’Erba propone una raccolta inedita e originale di articoli e interviste nel tentativo di dare un quadro quanto più completo del “caso”.

 

Qual’è la domanda globale di olio di palma? Risponde Carlo Pratesi, docente di economia e gestione delle imprese.

L’olio di palma è dannoso per l’ambiente“.

La frase in sé non ha molto senso. L’impatto della coltivazione di palma da olio sull’ambiente è nell’immediato decisamente inferiore a quella di moltissimi prodotti della terra simili: a parità di quantità di prodotto, il terreno e le risorse naturali impiegate sono nettamente inferiori, rispetto ad altre colture di olii vegetali. Non chiede acqua, e non ha bisogno di fertilizzanti (rapporto 1 a 6 rispetto ad esempio alla colza). Occupa, una minima parte di terreno rispetto alle altre (oliva, girasole, colza, soia, ecc) e non chiede nulla per crescere, quindi è tecnicamente più sostenibile rispetto ad altri prodotti alimentari equivalenti. Ma, come in tutto, non c’è il buono e cattivo. il nero e il bianco, distanti e distinti. Qui sotto qualche approfondimento utile

L’olio di palma è la più grande causa di deforestazione“.

Quando si è capito che la sua sostenibilità (poca terra, tanto prodotto) era soprattutto economica, le grandi industrie alimentari hanno puntato sull’olio di palma per risparmiare su una importante materia prima e i coltivatori di alcuni paesi come Malesia, Indonesia, Brasile, Argentina, dove il clima è favorevole, hanno cominciato a bruciare foreste per far posto ad una coltivazione che è divenuta molto importante nella crescita economica nazionale (PIL). Ma le foreste vanno preservate. E gli incendi causano danni immensi. A tutti.

 

 

 

La Ferrero è da tempo in tanti mirini. Ecco cosa sta facendo.

Di certificazioni, e dei loro limiti, parla anche Carlo Pratesi

 

L’olio di palma fa male perché è pieno di acidi grassi saturi“… e anche “fa venire il cancro“.

Il “mostro” olio di palma è il grasso vegetale alimentare più utilizzato al mondo. Questo perché a molti prodotti alimentari serve un grasso solido. L’olio di palma, oppure ad esempio oli di colza e girasole idrogenati (margarine), oppure i cosiddetti “grassi trans”, già banditi perché considerati cattivi per la salute. L’olio di palma irrancidisce molto più lentamente di altri grassi. Sugli scaffali e nei negozi i prodotti con olio di palma durano di più senza bisogno di conservanti, e quindi non deperiscono né vanno gettati anzitempo. L’olio di palma non interferisce con il gusto dei prodotti. Non è il grasso più salubre che esista, ma nemmeno il peggiore: prima di bandirlo bisogna verificare con che cosa lo si sostituirebbe. L’olio di palma contiene acidi grassi composti per circa il 50% di saturi e il 50% di insaturi. Contiene meno grassi saturi del burro e dell’olio di cocco… Inoltre, l‘autorità europea per la salute (EFSA) ha espresso nel 2016 un parere su alcuni contaminanti di processo. Sulla base delle conclusioni di questo documento, che è in fase di revisione, la campagna anti olio di palma ha raggiunto toni di allarme. Ma è davvero cancerogeno? Dice proprio questo l’EFSA?

 

L’olio di palma è simbolo dello sfruttamento schiavista delle multinazionali“.

 

 

 

Green nel serbatoio”: no, inquina di più

 

Quanto costa rinunciarci.

 

“Olio di palma, mostro mediatico”

 

E qualcuno si inserisce nel mercato facendo leva sulla campagna mediativa contro l’olio di palma per proporre nuovi prodotti.

Share this article

giornalista professionista, è direttore responsabile di Giornalisti nell'Erba, referente per la formazione dell'ufficio di presidenza FIMA (Federazione Italiana Media Ambientali) e membro Comitato Scientifico per CNES UNESCO Agenda 2030. Presidente de Il Refuso a.p.s.. In precedenza ha lavorato come giudiziarista per Paese Sera, La Gazzetta e L'Indipendente. Insieme a Gaetano Savatteri ha scritto Premiata ditta servizi segreti (Arbor, 1994). Collabora con La Stampa, per le pagine Tuttogreen.

Facebook Comments

Post a comment

diciannove − uno =