altLui dice di non saperne nulla, ma nell’inchiesta che vedrebbe indagato il patron dei rifiuti del Lazio Manlio Cerroni si ipotizza l’associazione per delinquere, l’estorsione, la truffa, il traffico illecito di rifiuti. Lo scoop è dell’Espresso: secondo il settimanale, l’avvocato della monnezza, presidente del Colari, è nel mirino della Direzione distrettuale antimafia con il coordinamento del procuratore Giuseppe Pignatone. Dei tre filoni d’inchiesta, uno riguarderebbe la gestione di Malagrotta, gli impianti per la produzione di combustibile da rifiuti (cdr) che l’imprenditore ha costruito ad Albano e la cava di Monti dell’Ortaccio, dove secondo il prefetto e commissario per l’emergenza rifiuti Goffredo Sottile dovrebbe presto arrivare la nuova mega discarica della capitale.
A seguire le indagini i pm Maria Cristina Palaia e Alberto Galante. Cerroni è “sorpreso”: dice di non saperne nulla.

Share this article

Redazione centrale di giornalistiNellerba.it Giornalisti Nell'Erba è realizzato dall'associazione di promozione sociale Il Refuso. Nel tempo ha collezionato tanti riconoscimenti e partnership come ad esempio quelle con ANSA, Ordine Nazionale dei Giornalisti, Federazione Nazionale della Stampa, Federazione Italia Madia Ambientali FIMA, European Space Agency (ESA), Agenzia Spaziale Italiana, Rappresentanza in Italia della Commissione Europea, Lega Navale Italiana, Marina Militare, Università di Roma Tor Vergata. Ha i riconoscimenti della Presidenza della Repubblica, del Ministero dell'Ambiente e tante altre istituzioni.

Facebook Comments

Post a comment

diciassette − 5 =