Pensando alla Svizzera le prime immagini che saltano alla mente sono quelle di banche, orologi, cioccolato e precisione. E dato che gli stereotipi sono tipici di chi non ha vissuto una cultura direttamente,e che c’è ancora tempo per una vacanza settembrina in stile gNe, e vi svelo i lati più green di Ginevra e i suoi dintorni, con qualche consiglio per divertimenti e curiosità. 😉

 

image5Ginevra
Ginevra è un vero e proprio gioiello, una città costruita attorno al Lago Lemano che appartiene per il 40% alla Francia e per il restante 60% alla Svizzera. Il suo simbolo è l’enorme getto d’acqua che svetta nel lago, che arriva ad un’altezza di 140 metri.

Questo jet d’eau era stato inizialmente costruito per regolare la pressione dell’acqua nella città, e successivamente è diventato una delle principali attrazioni turistiche di Ginevra, divenendone inevitabilmente il simbolo.
Spostarsi a Ginevra rispettando l’ambiente è semplicissimo e si possono scegliere diverse soluzioni a seconda delle esigenze. Potrete spostarvi comodamente con i tram, il cui servizio è molto efficiente, e con i battelli sul lago (il costo dei battelli è incluso negli abbonamenti per il trasporto pubblico), per poi avere tutto il piacere di camminare tra i vicoli e i numerosissimi parchi di Ginevra. image1 (2)Se pernottate in un hotel in città, inoltre, avrete diritto ad abbonamenti gratuiti. Si possono affittare biciclette senza spendere un centesimo!

Lungo il lago troverete alcuni chioschetti che affittano biciclette: lasciando i vostri dati e una cauzione di 20 CHF, che vi verrà restituita al rientro, potrete girare in bici per ben quattro ore gratuitamente, aggiungendo 2 CHF per ogni ora successiva. Un modo decisamente sostenibile di muoversi più velocemente. È inutile dirvi che, ovviamente, le piste ciclabili sono ovunque!image7

Se preferite una soluzione più comoda potete optare per un giro sul trenino Trans Eaux-Viviens. È il primo treno in Europa alimentato a energia solare, cosa che gli permette di essere molto più silenzioso e di non emettere gas di scarico, riducendo così sia l’inquinamento acustico che quello atmosferico. Durante il tragitto potrete vedere tutti i luoghi più famosi di Ginevra, passando per il già citato jet d’eau, le splendide piazze e il famoso orologio floreale, il tutto accompagnato dalla guida audio che illustrerà tutte le attrazioni più importanti.

image4

 

Una giornata da scienziati!
A Ginevra, o meglio al confine tra Francia e Svizzera, si trova il CERN, l’Organizzazione europea per la ricerca image3nucleare, cioè il più grande laboratorio al mondo di fisica delle particelle. Se siete appassionati di fisica, non potete farvi sfuggire l’occasione: sul sito del CERN ci sono le informazioni per prenotare una visita in qualsiasi giorno, oppure potete approfittare degli open days. Facendo la visitors card al desk all’ingresso del CERN potrete così entrare nell’affascinante mondo della fisica.

La prima tappa è al Microcosm, il museo dove vengono svelati i misteri sulla nascita dell’universo (almeno quelli fino ad oggi noti), e mostrati i diversi esperimenti che il CERN sta portando avanti: Atlas, Alice, LHCb e CMS.

20160703_141804Potete inoltre visitare il Globe, la grande semisfera di legno divenuta simbolo del polo scientifico, dove su ha la possibilità di approfondire le conoscenze sugli esperimenti, la materia e sulla nascita dell’Universo, grazie ad un suggestivo video che viene proiettato ogni ora circa. Potrete entrare nella sala di controllo di Atlas, o provare l’ebbrezza di sedervi nella Sala delle grandi scoperte, dove è stata annunciata quella del Bosone di Higgs ad esempio, e di aggirarvi per le strade in cui hanno camminato premi Nobel e ricercatori di fama internazionale. Insomma, un’occasione da non perdere!

 

Neuchatel e La Vue-des-Alpesimage2
Se avete qualche giorno in più, se ci sono bambini o, come nel mio caso, è così che vi piace ancora sentirvi, non dovrete farvi mancare questa gita.

Nella località di La Vue-des-Alpes si trova il Toboggan, uno scivolo tra le montagne che permette di ammirare la bellezza delle montagne svizzere e allo stesso tempo provare scariche di adrenalina date dalle curve a tornante e dai saliscendi. Sarete voi a decidere la velocità dello slittino, frenando o accelerando, passando tra i boschi. Se vi piace camminare, qui partono anche diversi sentieri di varie lunghezze che vi permetteranno di apprezzare al meglio la natura del posto.
Di ritorno verso Ginevra potete fermarvi a vedere Neuchatel, città della Svizzera che sorge sull’omonimo lago. Oltre ai molti luoghi di interesse della città, dal pontile sul lago si gode della splendida vista a 360° sulle montagne circostanti. Per spostarvi più velocemente sempre nel rispetto della natura inoltre troverete alcuni chioschi, alimentati ad energia solare, che affittano anche qui biciclette per 2 CHF l’ora.image6

Insomma, paradiso fiscale o no, Ginevra e i suoi dintorni valgono davvero la pena di essere visitati e accontentano proprio tutti: amanti della cultura, della scienza e del green style!

Share this article

Sono laureata in Scienze della Comunicazione ed iscritta all'Ordine dei Giornalisti del Lazio, sezione pubblicisti. Ho studiato Fisica per tre anni, ma ho deciso di reinventarmi per seguire la mia strada. Raccontare, comunicare, rendere partecipi tutti di quello che succede nel mondo, senza pregiudizi, solo con passione. Perché è l’informazione l’arma più grande che abbiamo a nostra disposizione.

Facebook Comments

Post a comment

4 + 9 =