Con il surriscaldamento del globo diminuisce la capacità degli oceani di disperdere calore nell’atmosfera.

CarbonBrief dichiara che nel prossimo futuro si prevede un netto indebolimento della corrente AMOC dovuto proprio al riscaldamento antropico degli ultimi decenni.

Questa corrente ha un ruolo cardine nella regolazione climatica del nostro pianeta, ed è una delle più grandi correnti oceaniche. Trasporta acqua calda e salata partendo dai tropici fino ad arrivare in Groenlandia.

Proprio per la diversa salinità e temperatura dei mari che si incontrano, l’acqua più calda e densa dei tropici migra verso sud attraverso l’Atlantico.

AMOC infatti sta per Atlantic Meridional Overturning Circulation.

Ed è proprio grazie ad essa che la Terra orchestra e regola le temperature e la distribuzione degli oceani:

portando il mare dei tropici verso l’Atlantico settentrionale AMOC rilascia calore nell’atmosfera, riscaldando tutta l’Europa occidentale.

Ciò che allarma gli scienziati è l’affievolimento della corrente, che fatica a trasportare il calore dai tropici verso le latitudini settentrionali, a causa dell’intenso scioglimento dei ghiacci del nord, che negli ultimi decenni ha portato via fino al 30% del ghiaccio artico, il quale ovviamente è finito in mare.

Questo processo causa una forte interferenza con la normale circolazione della corrente AMOC che viene ostacolata dalle acque troppo fredde e troppo dolci della Groenlandia.

Se i ritmi di scioglimento continueranno ad essere così assisteremo a un indebolimento del sistema che regola le correnti oceaniche, e ciò potrebbe sconvolgere completamente l’ecosistema terrestre per come lo conosciamo.

Facebook Comments

Post a comment