La professoressa Fernanda Manganelli, dirigente scolastico dell’Istituto Comprensivo Frattamaggiore 2 (Napoli) – I.C. Capasso-Mazzini, con indirizzo musicale, ha firmato il 14 maggio la dichiarazione di Stato di emergenza climatica ed ecologica per la sua scuola. Come ha fatto pochi giorni prima la Camera dei Comuni britannica, come stanno facendo varie amministrazioni locali in Canada, Australia, Regno Unito, Stati Uniti, Svizzera (fino a una somma di circa 43 milioni di cittadini), e come invece pare non stiano facendo gli amministratori nostrani, la prof Manganelli ha forse accolto l’appello dei giovani dei #fridaysforfuture, certamente ne ha lanciato uno forte e importante lei stessa.

“… in considerazione delle emergenze climatiche quotidiane e delle ripetute dichiarazioni di allerta meteo emanate dalla Protezione Civile, e avendo preso atto dei rapporti IPCC e IPBES, diffusi dalle Nazioni Unite, sulle conseguenze sempre più allarmanti dei cambiamenti climatici, provvede a dichiarare lo STATO DI EMERGENZA CLIMATICA ED ECOLOGICA per il suo Istituto, I. C. Capasso Mazzini di Frattamaggiore-Napoli”.

La preside ritiene “doveroso allineare il suo Istituto alle migliori conquiste dell’attuale scienza teorica e sperimentale, come garanzia di vita democratica per il paese e la società internazionale e vuole renderlo partecipe, con consapevolezza, del processo di pressione democratica sulle istituzioni costituzionalmente delegate alle scelte politiche, che possono contenere gli effetti del collasso climatico e dell’estinzione di massa del vivente, oggi in corso”. Dalle dichiarazioni ai fatti. La dichiarazione prevede infatti che l’I. C. Capasso Mazzini di Frattamaggiore provveda “nella pratica quotidiana ad eseguire quelli che sono comportamenti tendenti alla riduzione delle emissioni climalteranti. E si impegna a:

  • sollecitare o promuovere presso il Comune di Frattamaggiore, interventi di coibentazione, efficientamento e risparmio energetico dell’edificio scolastico.
  • ridurre lo spreco di acqua e contenere la temperatura dell’acqua calda entro i 37 gradi, nell’edificicio scolastico.
  • richiedere allo stesso Comune di Frattamaggiore un intervento tendente alla produzione di energia elettrica, ai sensi della Legge 1/2013, con l’installazione di apparecchi fotovoltaici o di solare termico, sul tetto dell’edificio scolastico.
  • proporre occasioni di confronto tra corpo docente, famiglie e alunni per una crescita della sensibilità nell’affrontare la crisi climatica ed ecologica: tali percorsi serviranno a ragionare, dal punto di vista educativo, sui comportamenti abituali dannosi e sulle loro conseguenze proponendo in alternativa comportamenti virtuosi e buone pratiche.

    In particolare si impegna ad incentivare la riduzione o il taglio netto della plastica a scuola; il riciclo e riuso dei materiali di uso quotidiano; l’utilizzo di prodotti per le pulizie biodegradabili; la strategia rifiuti zero.

    Ancora, si impegna ad a realizzare orti scolastici coltivati dalla comunità scolastica e a produrre compost dai rifiuti organici.

    Inoltre, l’Istituto si impegna a promuovere incontri con la Protezione Civile Locale per informare la comunità scolastica sui comportamenti di prevenzione in previsione di eventi meteorologici estremi e a fare prevenzione psicologica a scuola per supportare i ragazzi più grandi in occasione della dichiarazione di emergenza climatica”.

    Le azioni e gli interventi elencati sottintendono la collaborazione di tutti, dai docenti agli alunni più piccoli. Mitigazione, adattamento, resilienza, educazione a tutto questo e, a legger tra le righe, anche a molto di più.

    In definitiva – si legge a fine documento – “la Dirigente Fernanda Manganelli riconosce come il collasso climatico e del mondo naturale di origine antropica costituisca con tutta evidenza una EMERGENZA MONDIALE non più procrastinabile ed emette la presente dichiarazione”.

Share this article

Redazione centrale di giornalistiNellerba.it Giornalisti Nell'Erba è realizzato dall'associazione di promozione sociale Il Refuso. Nel tempo ha collezionato tanti riconoscimenti e partnership come ad esempio quelle con ANSA, Ordine Nazionale dei Giornalisti, Federazione Nazionale della Stampa, Federazione Italia Madia Ambientali FIMA, European Space Agency (ESA), Agenzia Spaziale Italiana, Rappresentanza in Italia della Commissione Europea, Lega Navale Italiana, Marina Militare, Università di Roma Tor Vergata. Ha i riconoscimenti della Presidenza della Repubblica, del Ministero dell'Ambiente e tante altre istituzioni.

Facebook Comments

Post a comment

17 + 18 =