Katowice (dai nostri inviati) – All’America di Trump, quella ufficiale, istituzionale, forse non basta più proclamare populisticamente l’uscita dall’Accordo di Parigi. A COP24 gli USA istituzionali ci sono, ma invece di disertare i negoziati (non volevano uscire?), scelgono di mettere i bastoni tra le ruote all’ambizione, facendo fronte con Russia, Kuwait, e Arabia Saudita. Non più profilo basso, nelle trattative sul clima: il presidente degli Stati Uniti sta dando ordini di passare da un atteggiamento passivo ad una azione attiva insieme ad altri negazionisti del clima. Già solo la discussione di ore ed ore sul verbo adatto per inserire l’ultimo rapporto dell’IPCC sul surriscaldamento globale a 1,5°C  nel testo è un segnale che inquieta.

Non basta, gli USA a COP24 promuovono anche le fonti fossili come “soluzioni tecnologiche innovative per un dinamismo economico”, vendendole come buone idee per la crisi climatica.  L’appuntamento è lunedi 10 dicembre alle 13.15, nell’area G. La voce corre in fretta e l’America sostenibile, alternativa, si mobilita in un attimo. L’idea è quella di andare alla conferenza stampa, alzarsi e andarsene tutti, lasciando i relatori da soli. Ma non funziona come previsto: la folla è pronta, è quella mossa dall’America alternativa, da organizzazioni, associazioni e movimenti che rappresentano un po’ Obama, un po’ la California, un po’ il business, un po’ l’ambientalismo, la finanza, tutti coloro che chiedono un impegno o fanno quell’impegno di lotta al cambiamento climatico. Ma gli Usa devono aver avuto una “soffiata”: chiudono le porte, la sala è piena, nessuno può entrare, nessuno può uscire.  E così dentro e fuori sono canti, slogan, “shame”.

 

Gli Stati Uniti stanno spingendo i combustibili fossili ai colloqui sul clima delle Nazioni Unite, ma i prezzi dell’energia pulita sono crollati così rapidamente cbe anche le compagnie petrolifere stanno investendo in rinnovabili. Lo spiega, a COP24, Nigel Topping, CEO della coalizione We Mean Business. “Un esempio è il colosso del petrolio ExxonMobil, che di recente ha siglato un accordo di 12 anni per fornire le proprie attività in Texas con 500 MW di energia eolica e solare, a partire dal 2020. E’ un grande contratto per energia rinnovabile, il più grande mai firmato da una compagnia petrolifera, e fornirà abbastanza elettricità per fornire circa 400.000 case negli Stati Uniti.”

“Ad oggi – continua Topping – oltre 150 delle aziende tra le più influenti del mondo si sono impegnate a fornire energia elettrica al 100% rinnovabile attraverso l’iniziativa RE100. Queste società, che comprendono General Motors e la più grande azienda al mondo per fatturato, la Walmart, stanno creando annualmente una domanda di oltre 184 TWh di elettricità rinnovabile, più che sufficiente per alimentare lo stato di New York.

Queste aziende leader stanno anche fornendo una nuova fonte di finanziamento per una più rapida diffusione delle energie rinnovabili in tutto il mondo, investendo oltre 94 miliardi di dollari per raggiungere i loro obiettivi del 100%.

Le utility stanno reagendo a questa crescente opportunità di mercato, come Xcel Energy, una delle più grandi utility americane, che questo mese si è impegnata a produrre energia a zero emissioni entro il 2050.

Ad oggi, oltre 40 aziende di servizi energetici si sono impegnate per un’azione audace sul clima attraverso la campagna Take Action della coalizione di We Mean Business, che include cinque delle principali società elettriche del mondo per capitalizzazione di mercato. Ciò include anche oltre 20 aziende che si sono impegnate a obiettivi basati sulla scienza, come l’Ørsted in Europa, NRG Energy negli Stati Uniti e il CLP in Cina.

La forza delle opportunità di mercato è chiara – prosegue Topping -. Nel 2017, la capacità solare globale è cresciuta più rapidamente di tutti i combustibili fossili messi insieme, comprese le centrali elettriche a carbone, petrolio e gas.

Secondo una ricerca del World Economic Forum, le fonti rinnovabili non sovvenzionate sono state la fonte di energia elettrica più economica in 30 paesi nel 2017 e si prevede che le rinnovabili saranno costantemente più efficienti rispetto ai combustibili fossili a livello globale già entro il 2020.

Gli impianti solari su scala industriale – quelli in grado di fornire energia direttamente alla rete – hanno visto un calo dei prezzi dell’86% dal 2009, come mostra un recente rapporto di Lazard. L’energia solare ora costa in produzione 50vdollari a megawatt-ora, mentre l’energia del carbone costa 102 per la stessa quantità di elettricità, dice ancora il report.

Anche se la politica a livello federale negli Stati Uniti è ancora favorevole al carbone, il sostegno alle energie rinnovabili da città, stati e regioni è in costante crescita.

Più di 80 città, cinque contee e due stati negli Stati Uniti si sono impegnati al 100% in rinnovabili e sei di queste città hanno già raggiunto l’obiettivo, secondo i dati del Sierra Club. Inoltre, un parlamentare del Michigan sta proponendo allo stato di aderire alla California e alle Hawaii nel loro impegno di rinnovarsi al 100%.

L’opportunità non è solo lì per i clienti e i fornitori aziendali, ma aiuta anche a creare buoni posti di lavoro a lungo termine.

L’occupazione globale di energie rinnovabili ha superato 10 milioni di posti di lavoro nel 2017, un aumento di oltre il 5% rispetto all’anno precedente, secondo IRENA. Negli Stati Uniti, nel 2017 sono state impiegate 786.000 persone nel settore delle energie rinnovabili, in aumento dell’1% rispetto al 2016.

Nel frattempo, le chiusure delle centrali a carbone degli Stati Uniti sono proseguite rapidamente da quando l’attuale amministrazione si è insediata a gennaio 2017, nonostante l’inversione nell’agenza della politica energetica e climatica precedente in loro favore.

L’anno scorso, nel “paese del carbone” della West Virginia, Chris Beam, il presidente della più grande azienda elettrica di stato, l’Appalachian Power, è stato incaricato dal Governatore di seguire l’appello di Trump sul potenziamento delle centrali a carbone. Beam ha risposto che questo non può accadere, perché i clienti industriali dell’azienda, come Steel Dynamics, Koch Industries e Marathon Petroleum, si concentrano sempre di più sulle energie rinnovabili.

In Europa, Enel e Ørsted – due società energetiche che passano dai combustibili fossili al rinnovabile – si sono impegnate a facilitare il dialogo sociale con i lavoratori e i loro sindacati e ad adeguarsi a queste stesse norme fondamentali del lavoro.

Il passaggio alle rinnovabili è anche guidato da un’ondata di progressi tecnologici, che sta aprendo nuovi mercati e opportunità. Questa tecnologia non sta solo aiutando a ridurre i costi di produzione di elettricità da solare ed eolico, ma sta anche aiutando a far avanzare lo stoccaggio, il trasferimento, la gestione e la distribuzione dell’energia.

Il mercato dello stoccaggio di energia raddoppierà sei volte nel 2030, con oltre 100 miliardi di dollari investiti in tutto il mondo nei prossimi 15 anni, secondo Bloomberg New Energy Finance.

In California, Tesla sta lavorando con PG & E su un enorme sistema di batterie da 1,1 GWh, dopo che il fondatore della società, Elon Musk, ha vinto la sua scommessa per installare la batteria più grande del mondo in Australia Meridionale entro 100 giorni. Il progetto ha permesso allo Stato di risparmiare circa  28,9 milioni di dollari di costi associati alla stabilizzazione della rete energetica in soli 54 giorni.

Nel frattempo, Siemens fornisce i trasformatori di una linea di corrente continua ad alta tensione da record in Cina, con una lunghezza di 3.284 km e una capacità di trasmissione di 12 GW. E eMotorWerks utilizza la sua rete di 6.000 caricabatterie EV negli Stati Uniti per formare una batteria virtuale distribuita in grado di fornire storage direttamente alla rete.

L’opposizione del governo federale degli Stati Uniti non è solo in contrasto con il passaggio a un potere pulito, accessibile e sicuro che viene abbracciato dagli acquirenti aziendali, dai fornitori di energia e dai cittadini   – va ancora avanti Topping di We mean business – . Al di fuori degli Stati Uniti, molti paesi stanno aumentando in modo massiccio il loro impegno verso l’energia rinnovabile, come l’India, che ha aumentato il suo obiettivo di 2022 energie rinnovabili del 28% a 227 GW, da 175 GW in precedenza – più di tre volte l’attuale 70 GW.

Secondo un recente studio Bloomberg New Energy Finance, gli Stati Uniti hanno investito 58,6 miliardi di dollari in energia pulita nel 2016, mentre la Cina ha investito quasi cinque volte quel livello a 287,5 miliardi di dollari.

“Non vi è alcuna barriera tecnica o economica per la transizione del mondo intero al 100% pulito, energia rinnovabile con una rete elettrica stabile a basso costo”, dice Mark Z. Jacobson, professore di ingegneria civile e ambientale presso la Stanford University, che ha condotto un recente studio sull’introduzione di energia rinnovabile.

“Le reti che forniscono elettricità al 100% rinnovabile non sarebbero state immaginabili solo pochi anni fa. Ma la ricerca della Energy Transitions Commission mostra che già nel 2035, in molte aree geografiche sarà possibile costruire un sistema di energia rinnovabile quasi totale”.

 

 

Facebook Comments

Post a comment

quindici − dieci =