alt

Nel Pacifico, al largo delle isole Hawaii, si è formato un accumolo di rifiuti, soprattutto plastica, per questo esso prende il nome “isola di plastica”.
Le buste di plastica hanno cominciato ad accumularsi verso gli anni Cinquanta perché l’azione della corrente oceanica è dotata di un movimento a spirale che fa aggregare i rifiuti tra di loro.

La dimensione dell’isola può variare dai 700.000 〖km〗^2a 1 milione di〖km〗^2, più grande della Penisola Iberica.
Mentre i rifiuti biologici sono sottoposti alla biodegrandazione, nella zona oceanica si stanno accumolando rifiuti non biodegradabili: la plastica e rottami marini che sono devastanti per l’ecosistema. Infatti la plastica invece di biodegradarsi, si “fotodegrada” cio’è si disintegra in pezzi molto piccoli, fino ad arrivare alla dimensione dei plimeri, la cui biodegradazione è difficile. Perciò la fotodegradazione produce inquinamento. Inoltre le particelle che galleggiano sembrano zooplancton, cibo di cui si nutrono le meduse e molti altri animali che, ingannati, si cibano di queste particelle, le quali ne causano la morte.

Share this article

Redazione centrale di giornalistiNellerba.it Giornalisti Nell'Erba è realizzato dall'associazione di promozione sociale Il Refuso. Nel tempo ha collezionato tanti riconoscimenti e partnership come ad esempio quelle con ANSA, Ordine Nazionale dei Giornalisti, Federazione Nazionale della Stampa, Federazione Italia Madia Ambientali FIMA, European Space Agency (ESA), Agenzia Spaziale Italiana, Rappresentanza in Italia della Commissione Europea, Lega Navale Italiana, Marina Militare, Università di Roma Tor Vergata. Ha i riconoscimenti della Presidenza della Repubblica, del Ministero dell'Ambiente e tante altre istituzioni.

Facebook Comments

Post a comment

quattro − 1 =