di Aurora Micci*

Sono consigliati ai cani intolleranti, allergici, sovrappeso, vecchi o cuccioli… Insomma se vuoi evitare problemi di salute al tuo migliore amico passa alle crocchette vegan! Nuove linee “sanitarie” e di più alto costo, millantando una “qualità superiore”, propongono una dieta povera di carne ai discendenti dei lupi preistorici, i più grandi cacciatori carnivori alleati del Sapiens Sapiens.
Sembra una bufala ma non lo è! La moda vegana colpisce stavolta cani e gatti e allarga il mercato: la strategia di marketing è chiara: le crocchette vegetali evitano problemi di intolleranze, perciò in via prudenziale il padrone amorevole preferirà alimenti che garantiscono tollerabilità e salute. Ma siamo sicuri che il nostro occidente abbia bisogno di alimenti per carnivori intolleranti alla carne? Quanti di voi hanno evidenze mediche di questi problemi o semplicemente sospettano allergie nel proprio cane e nel dubbio provano la dieta vegana?
Le crocchette vegetali per Gatto sono ancora più pericolose. Il gatto infatti è un carnivoro puro: niente pasta o riso nella sua dieta, di norma. Il passaggio alla pappa o crocchetta senza carne è ancora più insensato, ma segno dei tempi, di una mentalità o moda alimentare che ormai segue mode e tendenze acriticamente e con le idee sempre più confuse.
Facciamo quindi chiarezza dando la parola al Veterinario: “Un recente articolo sulla rivista “La settimana veterinaria” segnalava la contrarietà degli esperti proprio a questo riguardo: i cani (e soprattutto i gatti) sono animali carnivori, che hanno quindi un apparato masticatorio e digerente particolarmente adatto all’assimilazione delle proteine animali. È ovviamente possibile ottenere, con opportune additivazioni, una dieta bilanciata priva di carne, ma dal punto di vista biologico si tratta di una pratica senza senso.
Alcuni esperti considerano questa pratica addirittura una forma di “maltrattamento”, cioè di mancato rispetto delle caratteristiche etologiche (di comportamento, anche alimentare) dei nostri animali.
È importante dire che questa pratica di alimentazione degli animali deriva dalla diffusione della cosiddetta “moda vegana”, che è stata estesa anche ad esseri viventi non idonei a questo tipo di alimentazione per la loro costituzione biologica. Per cui, consigliare a cani sovrappeso, vecchi o cuccioli, o addirittura gatti, il consumo di cibi vegani, come crocchette e simili, può essere addirittura nocivo alla loro salute, al punto che in alcuni casi qualcuno parla di maltrattamenti agli animali.” ()
Mentre anche le riviste dedicate a casa e cucina dedicano pagine a “gustose ricette senza carne per il vostro Fido” voi lettori non abboccate, e se volete sperimentare nuove mode e diete lasciate ai vostri cani e gatti il gusto di mangiarsi la loro razione di carne come Natura vuole.

*2P liceo G. Alessi, Redazione La Siringa

Facebook Comments

Post a comment

dodici + 7 =