E’ tutto in un libro dell’anno. La Partnership di Marrakech, lanciata alla COP22 dal presidente Salaheddine Mezouar e dalla campionessa del clima Hakima El Haité, non ha perso tempo ed ha annotato tante azioni sul clima fatte da novembre 2017. A Bonn, in chiusura del segmento di alto livello degli eventi di  Global Climate Action, il Segretario generale delle Nazioni Unite Antònio Guterres. insieme all’altro campione del Clima Inia Seruiratu, al presidente di COP22 nonché ministro degli Esteri marocchino Mezouar e al ministro delle Fiji, ha presentato l’Annuario delle azioni 2017.

Si tratta della raccolta di azioni climatiche di imprese, investitori, città, regioni e società civile che dimostra quanto le parti interessate non siano solo le “Parti” istituzionali delle COP, e quanto in realtà queste stiano progredendo con costanza per raggiungere l’obiettivo centrale dell’Accordo di Parigi, quello di limitare l’aumento delle temperature medie globali ben al di sotto dei 2 gradi e il più vicino possibile a 1,5 gradi.

Ad esempio, il rapporto rileva che le coalizioni, che rappresentano più di un miliardo di persone, si sono impegnate a ridurre le emissioni dell’80% entro il 2050. Megalopoli con oltre 300 milioni di abitanti stanno lavorando insieme per costruire capacità di adattamento nel settore idrico. Il rapporto registra come le aziende si stiano impegnando a raggiungere il 100% di energia rinnovabile, una produttività energetica efficiente e sostenibile e a fissare obiettivi concreti in linea con quanto dice la scienza del clima.

La Segretaria Esecutiva delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici Patricia Espinosa apprezza l’Yearbook: “I governi devono conoscere l’azione nel mondo reale per accelerare l’ambizione nel tempo, necessaria per garantire il successo degli obiettivi globali concordati. È un circolo virtuoso. Questo annuario mostra come queste azioni guidino lo slancio globale verso la nostra sfida comune. E può ispirare e supportare i governi ad agire sui loro contributi in funzione dell’Accordo di Parigi”.

L’edizione inaugurale dell’Annuario del 2017 informa i governi su ciò che è stato realizzato durante tutto l’anno – sotto l’egida della Partnership di Marrakech – e mette in evidenza come la transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio possa essere accelerata.

I campioni del clima ad alto livello della Partnership di Marrakech, Inia Seruiratu e Hakima El Haité, hanno dichiarato insieme: “Crediamo che non sia possibile prendere decisioni politiche sane senza dati affidabili. Consideriamo prioritario produrre informazioni attendibili e accurate che vengono segnalate dal basso. Questo annuario dell’azione globale per il clima rappresenta i risultati e i progressi compiuti con informazioni  che provengono direttamente dai partner di attuazione”.

L’Annuario svolgerà un ruolo centrale nel garantire che il dialogo di Talanoa – in cui i governi faranno il punto dei progressi sull’obiettivo a lungo termine dell’aAccordo di Parigi – segnali con successo l’ambizione internazionale rafforzata.

 

 

Share this article

Redazione centrale di giornalistiNellerba.it Giornalisti Nell'Erba è realizzato dall'associazione di promozione sociale Il Refuso. Nel tempo ha collezionato tanti riconoscimenti e partnership come ad esempio quelle con ANSA, Ordine Nazionale dei Giornalisti, Federazione Nazionale della Stampa, Federazione Italia Madia Ambientali FIMA, European Space Agency (ESA), Agenzia Spaziale Italiana, Rappresentanza in Italia della Commissione Europea, Lega Navale Italiana, Marina Militare, Università di Roma Tor Vergata. Ha i riconoscimenti della Presidenza della Repubblica, del Ministero dell'Ambiente e tante altre istituzioni.

Facebook Comments

Post a comment

cinque × 1 =