Alberto Casoria è presidente del Gal Meridaunia, coordinatore dei Gal della Puglia e vicepresidente del coordinamento dei Gal nazionale. Sta portando avanti una visione di sviluppo che coniuga coerenza, complementarietà, integrazione delle diverse azioni, garantisce la maggiore efficacia in termini di risultati concreti e con benefici per tutto il territorio. Con Casoria, il Gruppo d’Azione Locale Meridaunia ha intercettato 44 milioni e mezzo di euro di fondi europei. Tre milioni sono destinati al progetto della Scuola dei Monti Dauni, persino con aiuti per gli insegnanti che vorranno venire a lavorare nel territorio. Si sta facendo, nei 30 comuni dell’area. Si sta facendo realmente. “I Gal sono la macchina da guerra dei territori rurali”, spiega il presidente.

 

Nei Monti Dauni ci sono imprese agricole che innovano la tradizione con l’affiancamento del mondo della ricerca, giovani con master che tornano alla loro terra ricchi di sapere per poter fare, famiglie, come – ma sono solo esempi tra tanti – quella dei Grasso, una tribù di 24 persone che ha ristrutturato Lo Moleno d’acqua del Ponte, raro mulino ottocentesco con pietre durissime per macinare un grano unico, il Senatore Cappelli, sotto osservazione dei ricercatori per la sua quasi totale assenza di glutine e la sua capacità di adattamento, o quella di Nicola Consiglio, che con la moglie Agata ha dato vita a Piana delle Mandrie, impresa agricola, agriturismo sostenibile e cibo ottimo a chilometro zero, o ancora come i giovani della cooperativa che ha in gestione il castello di Bovino e che, olio di gomito e progetto vincente, ha sistemato il museo vescovile e ristrutturato il monumento trasformandolo in parte in un B&B affascinante, la Residenza Ducale.

I Monti Dauni vogliono essere, ed obiettivamente sono, un sistema virtuoso, un modello da esportare, con un’identità forte, un’appartenenza delle singole comunità ad un territorio definito e compatto, un territorio che è ricco di valori, cultura, amore per la tradizione, per l’ambiente, per la sostenibilità. “Siamo convinti – dice Casoria – che lavorando insieme come un unico territorio coeso, con tutti coloro che vogliono dare il proprio contributo concreto, sia possibile esportare un modello “Monti Dauni”, quella della “Puglia nuova” che preserva la tradizione e guarda e preserva anche  il futuro”.

 

Lo Moleno d’acqua del Ponte

Lo Moleno d’acqua del Ponte è un posto magnifico. Lungo il fiume Cervaro, nel cuore dei Monti Dauni, c’è un luogo magico che dal 1500 accoglie i viandanti, produce farina buona, semina sorrisi. E’ un luogo magico ed una storia fatta di lavoro, di passione, di recupero della tradizione, della terra, del vivere sano e

[ Read More ]

 

Share this article

Redazione centrale di giornalistiNellerba.it Giornalisti Nell'Erba è realizzato dall'associazione di promozione sociale Il Refuso. Nel tempo ha collezionato tanti riconoscimenti e partnership come ad esempio quelle con ANSA, Ordine Nazionale dei Giornalisti, Federazione Nazionale della Stampa, Federazione Italia Madia Ambientali FIMA, European Space Agency (ESA), Agenzia Spaziale Italiana, Rappresentanza in Italia della Commissione Europea, Lega Navale Italiana, Marina Militare, Università di Roma Tor Vergata. Ha i riconoscimenti della Presidenza della Repubblica, del Ministero dell'Ambiente e tante altre istituzioni.

Facebook Comments

Post a comment