di Irene Capasso, Marius Amariei, Diego Di Giandomenico, Danylea Grilli e Chiara Armignacca *

Schermata 2017-03-07 alle 16.22.19Nasa e Noaa certificano il riscaldamento globale dichiarando il 2016 l’anno più caldo di sempre. Di sicuro la terra si sta riscaldando molto più velocemente. Le domande che ci dobbiamo porre ora sono: Quanto del riscaldamento globale è colpa nostra? Siamo disposti a fermare il riscaldamento globale? Secondo alcuni studi della Nasa, la temperatura  globale nel 2016 si è alzata di 0,94 gradi rispetto alla metà del ventesimo secolo.

Nasa e Noaa sottolineano che le temperatura stanno raggiungendo un livello che potrà minacciare la nostra civiltà. 

A causare questo riscaldamento è soprattutto l’uomo e l’urbanizzazione. Le conseguenze di questa tragedia sono disastrose: aumento delle malattie, innalzamento dei mari causato dal ritiro dei ghiacciai che potrebbe creare gravi inondazioni danneggiando l’agricoltura. Altra grave conseguenza del riscaldamento globale è l’acidificazione dell’oceano che metterebbe a rischio l’ecosistema marino e quindi tutta la catena alimentare.

di Francesco Papi, Francesco Monticelli, Emanuel Del Frate, Anna Terenzi, Sara Drilea*

Luca Mercalli, il climatologo, dice: al sud slittini al nord fiorellini, questa è la strana situazione dell’Italia. A gennaio, infatti, sembrava che ľinverno avesse deciso di fare eccezioni, colpendo pesantemente i poveri abitanti del Mezzogiorno, che, abituati a temperature miti, sono stati colti di sorpresa dalla neve scesa tutta di un tratto anche sulle spiagge. Questo fenomeno è dovuto da strisce di nubi che si formano sul mare, chiamate «cloud-streets», che vanno poi ad addensarsi sull’Appennino dove scaricano abbondanti nevicate. Questo afflusso di aria gelida si forma presso i Balcani è giunge fino all’ Adriatico Sud-orientale. Ecco perché può accadere che al sud nevichi così tanto, mentre le Alpi sono a secco e i boschi sono controllati dalle guardie Forestali perché il rischio di incendi è molto alto. Tutto ciò non accade solo in Italia. Infatti anche a Buffalo, nello stato di New York, avviene un fenomeno simile sui laghi, chiamato «Lake effect snow». Il punto però è che in tutto il mondo, a causa del riscaldamento globale, le stranezze sono sempre più frequenti, compresa quella della neve al sud. E oggi è quasi più facile veder nevicare a Chieti che non a Torino.

  • alunni della II A scuola media I.C. T. Gulluni di Colonna, progetto AmbienTool
  • Il progetto #AmbienTool, dell’associazione Il Refuso con la collaborazione di Frascati Scienza e finanziato dal FSE Fondo Sociale Europeo – Programma Operativo regionale del Lazio 2014-2020, è vincitore dell’avviso “Fuoriclasse”

Share this article

Redazione centrale di giornalistiNellerba.it Giornalisti Nell'Erba è realizzato dall'associazione di promozione sociale Il Refuso. Nel tempo ha collezionato tanti riconoscimenti e partnership come ad esempio quelle con ANSA, Ordine Nazionale dei Giornalisti, Federazione Nazionale della Stampa, Federazione Italia Madia Ambientali FIMA, European Space Agency (ESA), Agenzia Spaziale Italiana, Rappresentanza in Italia della Commissione Europea, Lega Navale Italiana, Marina Militare, Università di Roma Tor Vergata. Ha i riconoscimenti della Presidenza della Repubblica, del Ministero dell'Ambiente e tante altre istituzioni.

Facebook Comments

Post a comment

8 − 4 =