1. 21 atenei, 15 Paesi, 2 anni di tempo per costruire un prototipo di abitazione sostenibile ed energeticamente autosufficiente. Tutto questo è il Solar Decathlon Middle East 2018 che si terrà l’anno prossimo a Dubai.

“La sfida offerta alle Università di tutto il mondo è quella di progettare e realizzare – in un contesto accademico, e per un periodo di due anni – un prototipo di abitazione di circa 100 mq con il sole come unica fonte di energia, e di testarne l’efficienza e la qualità ambientale per un periodo di un mese in un sito appositamente dedicato” Si legge nella mission del contest. “Una volta realizzati, i prototipi di solar house, pienamente funzionanti, saranno aperti al pubblico, e valutati da una giuria internazionale sulla base di 10 contests (da qui il nome Solar Decathlon): architettura, sistema di costruzione, gestione energetica, efficienza energetica, comfort interno, funzionalità delle apparecchiature, mobilità elettrica, sostenibilità ambientale, comunicazione e innovazione tecnologica”.

A rappresentare il nostro Paese ci sarà, tra gli altri, un team proveniente dall’Università degli Studi di Roma La Sapienza, con il progetto Restart4Smart. Un team di 50 ragazzi tra studenti universitari, dottorandi di ricerca e studenti di Master, provenienti dalle facoltà di Architettura, Ingegneria Civile e Industriale, Scienze Politiche, Sociologia e Comunicazione il cui obiettivo è quello di costruire una casa green, smart ed interamente alimentata ad energia solare.

 

Un progetto veramente impegnativo e virtuoso, e senza ombra di dubbio green. Quindi che dire? In bocca al lupo ragazzi! E che la vostra sia la casa più solare e sostenibile del pianeta.

Share this article

Sono laureata in Scienze della Comunicazione ed iscritta all'Ordine dei Giornalisti del Lazio, sezione pubblicisti. Ho studiato Fisica per tre anni, ma ho deciso di reinventarmi per seguire la mia strada. Raccontare, comunicare, rendere partecipi tutti di quello che succede nel mondo, senza pregiudizi, solo con passione. Perché è l’informazione l’arma più grande che abbiamo a nostra disposizione.

Facebook Comments

Post a comment