Appuntamento domenica 2 dicembre alle 11,30 alla Terrazza del Pincio, che sovrasta Piazza del Popolo a Roma, dove Accademia Kronos organizza una mobilitazione per il Clima – COP 24 – 2018.

L’invito a partecipare alla manifestazione – si legge nel comunicato di Accademia Kronos – è rivolto a tutte le cittadine e cittadini di qualsiasi età e naturalmente a tutte le associazioni ambientaliste e organizzazioni impegnate nella lotta ai cambiamenti climatici, “per lanciare insieme un appello al buon senso, perché a Katowice, alla COP 24 sul clima, che si terrà fino al 14 dicembre, vengano prese decisioni inderogabili per preservare la vita sulla Terra”.

Un invito particolare è inviato a tutti i ciclisti amanti dell’ambiente e sensibili al problema dei  cambiamenti climatici e alle loro associazioni, di pedalare e per il clima, portando la loro presenza e le proprie biciclette sulla storica terrazza paesaggistica. Analogo invito è rivolto a tutti i podisti e le loro associazioni di marciare per il clima.

“I cambiamenti climatici rappresentano un problema che riguarda tutti gli abitanti della Terra e dunque anche noi italiani e per questo è importante che anche da Roma, così come accade in moltissimi paesi in tutto il mondo, compresi gli Stati Uniti governati da Donald Trump, venga lanciato un chiaro messaggio: meno parole, meno speculazioni e + azioni per la difesa del clima! COP 24 è una tappa molto importante per il futuro dell’umanità. Qualificati scienziati del clima e governanti di tutte le nazioni del mondo devono agire in fretta e con decisione per bloccare o quantomeno rallentare l’aumento della temperatura terrestre”.

Annullata, per impedimenti burocratici e logistici, la prevista “Pedalata per il Clima” che Accademia Kronos aveva programmato in collaborazione con ACSI e Assessorato all’Ambiente del Comune di Roma: “la nostra Associazione sarà comunque attiva nell’azione di sensibilizzazione dei cittadini romani sull’importanza di COP 24 per il futuro di tutti noi. Tre diversi gruppi di nostri attivisti partiranno da luoghi diversi per incamminarsi verso la Terrazza del Pincio e distribuiranno materiale informativo ai cittadini”.

Gli organizzatori invitano tutti i partecipanti a recarsi sul luogo facendo uso di mezzi e modi assolutamente non inquinanti, quali appunto la bicicletta, mezzo silenzioso e ecologico per eccellenza, pattini, monopattini o chiaramente camminando e per chi può permetterselo … correndo. Sulla Terrazza del Pincio, alcuni esponenti del movimento ambientalista faranno brevi dichiarazioni e infine tre gruppi di ciclisti partiranno alla vota del Vaticano, della Presidenza della Repubblica e dell’Ambasciata di Polonia per consegnare, in maniera ecologicamente corretta, il nostro messaggio di speranza affinché i governanti di tutto il mondo comincino seriamente ad  impegnarsi per la salvaguardia del pianeta dagli effetti devastanti dei cambiamenti climatici determinati dall’aumento della temperatura globale.

per ulteriori informazioni: ak@accademiakronos.it – 338 8513915

Accademia Kronos sottoscrive l’appello (si veda sotto) alla mobilitazione di Coalizione Clima (come anche il nostro giornale)

“Il cambiamento climatico è ormai una realtà che sta già colpendo persone, comunità, ecosistemi, provocando vittime e sofferenze. Numerosi e preoccupanti sono i segnali di accelerazione: dal livello dei mari osservati dal satellite, alla fusione dei ghiacci artici, alle modificazioni delle correnti marine e di quelle ventose, alle ondate di calore e i fenomeni alluvionali sempre più frequenti. Gli scienziati, con il recente rapporto speciale IPCC, ci dicono che per limitare il riscaldamento globale a 1,5°C abbiamo bisogno di mettere in campo azioni senza precedenti.

A livello politico, però, non ci sono adeguati segnali di preoccupazione e di azione per azzerare le emissioni di gas serra e cercare quindi di evitare i fenomeni più catastrofici.

Ai governanti riuniti a Katowice noi chiediamo che:

  • Si acceleri l’azione climatica perché le emissioni comincino una stabile traiettoria di discesa entro il 2020, per arrivare all’ economia a carbonio zero nel minor tempo possibile
  • Si aumentino gli impegni di riduzione delle emissioni presentati nel quadro dell’Accordo di Parigi, rendendoli coerenti con l’obiettivo di limitare il riscaldamento globale
  • Si faccia tutto il possibile e l’impossibile per limitare l’aumento medio della temperatura globale a 1,5°C rispetto all’era pre-industriale.

Ai governanti italiani chiediamo, inoltre, che:

  • Si definisca il Piano Nazionale Energia Clima, con un percorso partecipato, facendone un vero e proprio piano di decarbonizzazione che individui le azioni necessarie in tutti i settori e con una visione sistemica, avviando una “Giusta transizione”.
  • Si sostenga fortemente la necessità di target più ambizioni a livello europeo, con regole e politiche coerenti e conseguenti.

Per questo chiamiamo ognuno a fare la propria parte in questa mobilitazione”.

Share this article

Redazione centrale di giornalistiNellerba.it Giornalisti Nell'Erba è realizzato dall'associazione di promozione sociale Il Refuso. Nel tempo ha collezionato tanti riconoscimenti e partnership come ad esempio quelle con ANSA, Ordine Nazionale dei Giornalisti, Federazione Nazionale della Stampa, Federazione Italia Madia Ambientali FIMA, European Space Agency (ESA), Agenzia Spaziale Italiana, Rappresentanza in Italia della Commissione Europea, Lega Navale Italiana, Marina Militare, Università di Roma Tor Vergata. Ha i riconoscimenti della Presidenza della Repubblica, del Ministero dell'Ambiente e tante altre istituzioni.

Facebook Comments

Post a comment

venti + 19 =