A ridosso del Simposio, la FAO e il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) intensificato la loro collaborazione su iMarine, la piattaforma di condivisione cloud, basata sull’infrastruttura D4Science, che mira a migliorare la gestione delle risorse ittiche. (vedi anche qui)

Il nuovo Memorandum d’Intesa agevola il lavoro su diversi aspetti, tra cui i database sui ecosistemi marini vulnerabili, le iniziative come l’atlante globale per l’acquacoltura e la pesca del tonno, gli strumenti di valutazione degli stock ittici e il Registro globale degli stock e della pesca (Global Record of Stocks and Fisheries, GRSF). Questi strumenti sono già utilizzati in diverse iniziative della FAO per lo sviluppo delle capacità legate agli sforzi per mantenere la pesca entro livelli biologicamente sostenibili.

La collaborazione su iMarine consente agli scienziati del CNR e di tutto il mondo di promuovere l’Open Data e l’Open Science, estremamente utili per deframmentare i dati delle ricerche e sviluppare strumenti di monitoraggio efficaci e riutilizzabili ai fini delle scienze marine e alimentari.

iMarine è stata lanciata nel 2015 per creare e gestire un’infrastruttura elettronica a sostegno dei principi dell’approccio ecosistemico alla pesca e alla conservazione delle risorse biologiche marine, e sostanzialmente mira a sostenere l’iniziativa Blue Growth (Crescita Blu) della FAO.

La FAO e il CNR-ISTI si impegnano a gestire cataloghi e ambienti di ricerca virtuali per una serie di programmi in corso e per iniziative future, nonché a garantire che le innovazioni delle tecnologie dell’informazione vadano a beneficio degli Stati membri e dei partner della FAO in modo equo, trasparente e inclusivo mediante un’adeguata governance.

Il Registro globale degli stock e della pesca, per esempio, fornisce informazioni di supporto che consentono ai responsabili della pesca, ai decisori politici e alle parti interessate di monitorare lo stato degli stock ittici e partecipare a programmi di tracciabilità, certificazione e controllo della qualità.

Il previsto Atlante dell’acquacoltura fungerà da riferimento per individuare e quantificare gli impianti – prevalentemente gabbie e stagni – utilizzando dati satellitari elaborati in base alle caratteristiche territoriali.

Share this article

Redazione centrale di giornalistiNellerba.it Giornalisti Nell'Erba è realizzato dall'associazione di promozione sociale Il Refuso. Nel tempo ha collezionato tanti riconoscimenti e partnership come ad esempio quelle con ANSA, Ordine Nazionale dei Giornalisti, Federazione Nazionale della Stampa, Federazione Italia Madia Ambientali FIMA, European Space Agency (ESA), Agenzia Spaziale Italiana, Rappresentanza in Italia della Commissione Europea, Lega Navale Italiana, Marina Militare, Università di Roma Tor Vergata. Ha i riconoscimenti della Presidenza della Repubblica, del Ministero dell'Ambiente e tante altre istituzioni.

Facebook Comments

Post a comment

diciannove + 8 =