Lo scopo della COP21 è quello di diminuire i cambiamenti climatici e di migliorare la situazione ambientale dell’intero pianeta, per evitare dei danni irreversibili. Per fare ciò e per condurre al meglio il congresso di Parigi sono stati presi ed analizzati i dati sull’emissioni di gas serra e sono stati fatti vari grafici che indicano la quantità di tali sostanze che sono stati prodotti in media dalle varie nazioni europee.

emissioni 2012

Questo istogramma indica la quantità di gas serra che ogni Stato della comunità europea ha prodotto nel 2012. Come è possibile notare, i principali produttori di CO2 sono la Germania, che ha prodotto quasi mille tonnellate di anidride carbonica; il Regno Unito, che ne ha prodotto poco più di seicento tonnellate; la Francia e l’Italia, che ne hanno prodotte circa cinquecento. Seguono poi Portogallo, che ne ha prodotte poco più di 400, la Spagna, che ne emette quasi 400 tonnellate. I restanti stati non superano le duecento tonnellate. Questi dati indicano quindi che la stragrande maggioranza degli Stati membri cerca di emettere quanto meno CO2 possibile.

 

Il grafico qui sotto riporta invece le emissioni di gas a effetto serra del 2012 che sono risultate come conseguenza di altri processi. Il 57,90% dei gas derivano dalla sola produzione di energia, circa il 21,90% derivano dai mezzi di trasporto (macchine, treni, aerei, ecc), il 10% sono derivati dei processi agricoli e solo il 6,80 % da quelli industriali. Dai processi di smaltimento dei rifiuti derivano solo il 3% dei gas serra e solo lo 0,20% da solventi e da altri prodotti industriali.

emissioni per settore

Grafici come questi sono molto importanti, grazie ad essi possiamo capire infatti quali sono i paesi che, rispetto agli altri, devono cercare di diminuire la quantità di gas a effetto serra per avere un migliore impatto ambientale. Inoltre, saranno questi tipi di grafici che stimoleranno le discussioni all’interno del congresso e grazie ai quali si cercherà di trovare un modo per diminuire i cambiamenti climatici o qualsiasi altro danno legato all’ambiente.

 

Facebook Comments

Post a comment

1 × quattro =